Progetto Verona - Le Fabric
532
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-532,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,columns-4,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Progetto Verona

Richiesta del Cliente

OTTA, disegnata dall’architetto Roberto Rocchi, nasce dall’esigenza di creare una maniglia esclusiva, da utilizzare nell’ambito del restauro di Palazzo Brenzoni a Verona.

L’intervento, curato dallo studio Rocchi Piubello, è stato concepito fin dall’inizio con l’intenzione di “smorzare” la rigidità che caratterizza gli edifici monumentali: con questo obiettivo la maniglia (elemento ricorrente, presente in maniera massiva all’interno di ogni spazio) diventata il motivo progettuale distintivo che, con la sua inedita forma geometrica, ispira i diversi altri elementi che ricorrono all’interno del progetto.

Elaborazione Richiesta

Il progetto “OTTA” deriva quindi da una precisa esigenza del progettista che intende utilizzare, di concerto con il Committente, una serie di maniglie realizzate su disegno originale, in modo da poterne ottenere e certificare l’esclusività.

L’intenzione del progettista incontra la totale disponibilità di Le Fabric, motivata a testare un nuovo servizio da sottoporre al mondo della progettazione: l’opportunità non solo di customizzare il prodotto attraverso la scelta di materiali e colorazioni, ma la possibilità di realizzare un prodotto ex-novo, su proprio disegno o campione.

Il progetto “OTTA” è diventato subito operativo, passando dal disegno, al prototipo, alla fornitura, in modo molto veloce e senza che si dovessero applicare particolari correttivi al progetto.

Processo ultimato

OTTA, come racconta il suo nome, ha una sezione ottagonale, forma geometrica che ritroviamo in altri elementi del restauro di Palazzo Brenzoni: ottagonale è infatti il motivo decorativo nella parte superiore di tutte le porte, come ottagonale è la forma degli specchi dei bagni.

OTTA può essere realizzata in svariate declinazioni tra cui l’ottone spazzolato, probabilmente la finitura che ne esalta maggiormente il design.

Prodotto al cliente

OTTA è stata pensata per essere utilizzata come maniglia di porta interna, come maniglione di grandi dimensioni per i portoncini blindati, come maniglione per le ante dei box doccia e perfino cone fermaporte ottagonale.

Per il progetto di restauro, Otta è stata utilizzata nella finitura “brunito”, finitura che ricorre in molti elementi utilizzati all’interno del Palazzo tra cui appendiabiti, lampade, profili dei box doccia, cover delle unità interne di condizionamento ambienti, serramenti in ferro, parapetti, ringhiere, fioriere.